Lifestyle

Vertical Gardening

Piccole superfici, largo spazio alla creatività. Con la tecnica di coltivazione in senso verticale, il balcone in città diventa un’oasi verde di benessere.

Come l’urban gardening sta facendo fiorire i balconi.

Siamo vivendo in tutto il mondo un vero e proprio boom di agglomerati urbani. Le città si sviluppano e si trasformano, e con le nuove generazioni di residenti urbani nascono anche nuove idee. Negli ultimi decenni, l’urbanistica era sinonimo di cementificazione. Ma poi è arrivato l’urban gardening, che ha cambiato il rapporto con lo spazio abitativo urbano. Così le città si sono riempite di sempre più soluzioni creative di rinverdimento. E, con la crescita dei quartieri in altezza, sono spuntati anche molti spazi verdi. Basti pensare ai giardini verticali sulle facciate delle case o alle aree verdi nei cortili, nelle terrazze e sui tetti delle città.

Lo scopo è di riportare un pezzo di natura incontaminata nelle città. I progetti di costruzione di appartamenti e uffici devono essere sostenibili, efficienti ed ecologici. Allo stesso tempo devono ricreare ciò che prima offrivano le aree verdi e i parchi. Un compito, questo, per niente facile. La soluzione? Creare nuove oasi verdi servendosi di facciate, tetti, balconi e terrazze. I sistemi integrati di biotopi, caratterizzati da un’accurata scelta di piante, influenzano il microclima negli spazi chiusi e sui balconi, attenuando il rumore, la polvere e il caldo della città, e diventano un habitat ideale per insetti, uccelli e persone.

Allestimento dei giardini in formato verticale.

Il vertical gardening è considerato una tecnica di architettura urbana moderna nonché un trend molto in voga tra i giardinieri dilettanti di oggi. Gli spazi utilizzati sono sempre facciate di case, balconi, terrazze e interni. Ormai, questa moderna tecnica artistica di allestimento dei giardini ha preso piede persino nei patii e nei cortili. Perché va così di moda?

Con il vertical gardening si ricava spazio per le piante nei posti più impensabili. E non importa se è un architetto professionista a creare un bellissimo giardino in verticale oppure il vicinato che, con creatività, si cimenta in un’opera di ghirigori verdi da parete fai da te. Nella cassetta degli attrezzi del vertical gardener non possono mancare griglie e moduli per le piante, sistemi per il rinverdimento con irrigazione, sacchetti, recinti in legno, pallet e ovviamente tanta creatività.

Balkon, Pflanzen, Tisch
Acqua, irrigazione, giardino verticale
Irrigazione

A prescindere dalla grandezza della vostra futura parete verde, è necessario prima di tutto pensare all’irrigazione. Optate per una soluzione permanente, con piante decorative sempreverdi.

Verde vivo

Per i giardini decorativi in verticale da interni, dovreste scegliere piante che richiedano poche attenzioni e che si adattino bene al riscaldamento e all’illuminazione delle stanze. Solitamente, muschi, felci e piante grasse sono abbastanza robuste e crescono nella terra, in idrocoltura e sui substrati.

Inverdimento delle pareti in europallet per il giardino del balcone
Crescita in verticale

Praticamente è possibile coltivare in verticale tutto ciò che crescerebbe già in orizzontale, a una determinata esposizione luminosa, nel vostro cortile, giardino o balcone. L’ideale sono le piante con radici superficiali.

Modelli base

A seconda dell’altezza e dell’ambiente in cui pensate di creare il vostro giardino verticale, potreste utilizzare vasi sospesi, cornici e diversi moduli flessibili disponibili in commercio. Essendo molto facili da utilizzare, sono l’ideale per chi è alle prime armi.

Upcycling
Upcycling

Una soluzione originale, più economica, ma spesso anche più dispendiosa in termini di tempo, può essere quella di realizzare delle aiuole rialzate servendosi di europallet, un telo per laghetto o bottiglie di plastica di recupero.

Vertical Gardening Tipp 5
Orto

Se volete che il vostro giardino verticale abbia anche un’utilità pratica, potreste ricorrere a sacchi da coltivazione da disporre uno sopra l’altro e creare così una parete esterna da cui «piluccare» fragole, erbe aromatiche, pomodori e peperoncini.

La vostra oasi verde deve essere protetta contro sole e vento forte

STOBAG offre un’ampia gamma di soluzioni personalizzate, dalle moderne tende cassonate con telo laterale alle tende a scorrimento verticale per ombreggiare la facciata, con tanto di controllo automatico dei consumi energetici.

Qual è l’origine del vertical gardening?

Benché sia di tendenza, in realtà il giardinaggio verticale non è un’invenzione moderna. Basti pensare ai misteriosi giardini pensili di Babilonia, una delle sette meraviglie del mondo antico. Questi giardini pensili, che secondo la leggenda sarebbero stati costruiti per volontà della regina dell’Oriente antico Semiramide o del re Nabucodonosor II, erano dotati di un sofisticato sistema d’irrigazione e raggiungevano un’altezza enorme.

A differenza della moda di oggi, i giardini di Babilonia erano concepiti sotto forma di superfici verdi che si sviluppavano su terrazze sovrapposte. I paesaggisti moderni, come il botanico francese Patrick Blanc, utilizzano la dimensione verticale con piena consapevolezza. Per i suoi primi giardini, Blanc si è ispirato alle umide pareti rocciose delle regioni tropicali del Sud-Est asiatico. Dopodiché, nonostante le sue idee fossero state inizialmente derise, ha realizzato progetti in tutto il mondo. In Europa, un’opera che porta la sua firma è la facciata del Parlamento europeo a Bruxelles, con un giardino in cui dominano pietra e roccia.

Ormai, però, questo non è più l’unico esempio famoso di vertical gardening indoor e outdoor. Un’opera molto conosciuta è il Bosco Verticale, realizzato a Milano dallo studio di architettura Boeri Studio. Boeri ha creato il suo bosco verticale su due torri di 110 e 80 metri di altezza. Le torri rientravano in un piano di sviluppo urbanistico all’insegna dell’efficienza. Questo progetto gli è valso l’International Highrise Award 2014 e il relativo premio di 50 000 euro.

Vertical Garden an einer Holzwand

Domande poste quotidianamente ai nostri esperti di balconi

Di quanta cura ha bisogno una tenda?
Di cosa devo tener conto per il montaggio?
Posso automatizzare le tende per creare un ambiente ottimale per le mie piante?

I prodotti STOBAG da abbinare al tuo Giardino Verticale

Che abbiate un’ampia loggia o un piccolo balcone in centro città, le nostre soluzioni personalizzate contro sole e intemperie completeranno il vostro giardino verticale trasformandolo in uno spazio di vita pienamente godibile.